MEDITAZIONE

La meditazione è la lingua dell’anima e il linguaggio del nostro spirito.

Le tecniche di meditazione per lavorare su se stessi

Le tecniche di meditazione aiutano a trovare equilibrio

Cos’è la meditazione? La meditazione, oltre ad essere un insieme di tecniche diverse con radici antichissime, riconosciute in tutte le grandi religioni, è un momento di riflessione, dal latino “meditatio”. La meditazione aiuta a conoscersi nel profondo,  è una pratica che ci permette di entrare in contatto con noi stessi ed entrare in uno stato di profonda pace interiore. La meditazione può essere usata come semplice tecnica di rilassamento o come mezzo per lavorare su noi stessi, per affrontare meglio le giornate e spazzare via i cattivi pensieri, ci aiuta a concentrarsi solo sulle cose che davvero contano, lasciando tutti quegli stati d’animo che appesantiscono la nostra psiche e influenzano negativamente il nostro organismo, sovraccaricandolo di tensioni e stress. Maggiore diventa la capacità di concentramento, maggiore sarà la forza, la vitalità e la resistenza al dolore e alle malattie.

La meditazione per liberare la mente

Come funziona la meditazione? Per meditare è necessario avere a disposizione un posto tranquillo, ci si siede solitamente a gambe incrociate o nella posizione di loto, con la schiena dritta e gli occhi chiusi, preferibilmente all’alba o al tramonto. Si può meditare cominciando da qualche minuto per arrivare ad ore, scegliendo una tra le tante tecniche di meditazione. Esistono tecniche di meditazione più diffuse di altre, tutte con caratteristiche differenti tra loro ma con un obiettivo in comune: liberare la mente, favorire il rilassamento fisico e il raggiungimento di uno stato di benessere olistico. Si può meditare in modo personale, da soli o in gruppo, solitamente la tecnica meditativa consta di tre fasi: la respirazione per calmare la mente, il mantra per riequilibrare in positivo le onde psichiche; la fase di concentrazione dedicata all’autoconsapevolezza di sé.
Tutto nasce quando, trenta anni fa, Jon Kabat Zinn, fondò il Center for Mindfulness in Inghilterra, ed iniziò ad usare la meditazione come strumento terapeutico. Molte malattie cardiovascolari e neurodegenerative, sono legate ad uno stato di infiammazione, che lo stato meditativo,  riesce in parte a ridurre.